Come lavare i vestiti dei neonati


Per trattare questo delicato argomento, ho voluto consultare e confrontare la mia propria esperienza di addetto al settore con il parere suggerito da un sito autorevole e indipendente quale è Altroconsumo.

Ho trovato un interessante articolo del 15/07/2020 contenente consigli su come lavare i panni dei neonati di cui riporto alcune considerazioni e a cui aggiungo le mie personali riflessioni.

Quando arriva un neonato le domande che ci facciamo sono tante, comprese alcune su come lavare il corredino del neonato.


Come lavare i vestiti dei neonati: ecco alcune risposte

  1. Devo lavare tutto, anche i vestitini nuovi? Sì, sempre. Spesso su capi nuovi sono presenti tracce di diverse sostanze che potrebbero essere malsane. Lavare tutti i capi nuovi evita che possibili sostanze indesiderate entrino in contatto con il bambino, attraverso sia la pelle sia le vie respiratorie. Io aggiungerei che questa è una buona abitudine da adottare per qualsiasi nuovo acquisto di panni o biancheria, anche per noi adulti!

  2. Devo lavare a temperature elevate? No, non è necessario. Soprattutto è importante seguire le indicazioni presenti sulle etichette dei panni per evitare di rovinarli. Se avete acquistato un generatore di ozono per lavatrice questo problema non esiste più, in quanto l'igiene è sempre garantita con lavaggio a freddo.

  3. Serve un detersivo specifico “baby”? No, non è necessario. I detersivi per bambini hanno in genere profumazioni più delicate e con pochi allergeni. Di contro sono mediamente più costosi e hanno formati più piccoli. In genere, un buon detersivo liquido universale è adatto a tutte le esigenze di lavaggio, anche se le polveri sono più efficaci sulle macchie.

  4. Si riescono a togliere davvero le macchie? Sì, è possibile. Le macchie vanno sempre pre-trattate. Io consiglio il sapone di marsiglia o uno sgrassatore che devono essere utilizzati immediatamente. Più tempo aspettiamo a trattare la macchia, più sarà difficile eliminarla.

  5. Serve igienizzare i capi? No, assolutamente. La normale pulizia domestica è sufficiente. Uccidere il 99% dei batteri dura molto poco perché l'ambiente in cui viviamo non è sterile e potrebbe essere controproducente crescere in un ambiente asettico. Le sostanze igienizzanti hanno anche un pessimo impatto ambientale. D'altro canto una profonda igienizzazione è la base per l'eliminazione dei cattivi odori e l'importanza di una igiene accurata non è da sottovalutare in un periodo storico di pandemia come quello che stiamo vivendo e in questo mondo globalizzato, soprattutto se il neonato frequenta luoghi come asili nido. Anche in questo caso ci viene in aiuto il generatore di ozono per lavatrice, che sanifica senza inquinare e senza lasciare residui chimici sui panni, eliminando i cattivi odori senza dover utilizzare prodotti chimici o profumazioni che spesso sono la causa di allergie.

  6. L’ammorbidente si può usare? Secondo il mio parere è meglio non utilizzarlo, in quanto l'ammorbidente viene erogato durante l'ultimo risciacquo e sostanzialmente rimane sull'indumento, entrando quindi a contatto con la pelle del neonato. La soluzione migliore anche in questo caso è dotarsi di un generatore di ozono per lavatrice che ammorbidisce naturalmente il capo senza l'uso di sostanze chimiche.

  7. Devo cambiare la lavatrice? Probabilmente no. Solo se la tua lavatrice è vecchia e in basse classe energetica, può valere la pena fare un nuovo acquisto. C'è da mettere in conto però sicuramente un aumento dei capi da lavare, perchè oltre agli indumenti i neonati ci fanno utilizzare quantità innumerevoli di salviette, bavaglini, lenzuola, coperte e così via. Ormai avrete già capito che la soluzione è un generatore di ozono per lavatrice: un lavaggio di soli 45 minuti a freddo vi garantisce l'igiene massima, facendovi risparmiare acqua, corrente, detersivo e tempo.

  8. Devo usare un programma di lavaggio specifico? E' importante controllare sempre le etichette e non eccedere con il detersivo.

  9. Ha senso acquistare un’asciugatrice? Da un punto di vista economico e ambientale no. Ma sicuramente l'asciugatrice può essere un valido aiuto vista la quantità di vestiti che si dovranno lavare e asciugare. E' anche possibile rivolgersi ad una lavanderia self come la nostra per asciugare i panni, dove gli essicatoi sono a gas: altamente performanti ed ecologici. Però attenzione: mai riporre nell'armadio capi o indossare indumenti che non siano assolutamente asciutti, potrebbero generare delle muffe o creare l'ambiente adatto per la proliferazione di funghi.

  10. Devo fare un bucato a parte per i pannolini lavabili? No, non serve un lavaggio a parte, né un detersivo specifico o un igienizzante, ma è meglio metterli in ammollo prima del lavaggio con bicarbonato o sapone da bucato. Per poter fare un lavaggio separato dovresti accumularli per giorni oppure far andare la lavatrice mezza vuota, perciò meglio inserirli, dopo averli pretrattati, con il bucato normale. Non aggiungere ammorbidente.

Se vuoi scoprire tutte le potenzialità del lavaggio con ozono che non abbiamo trattato in questo articolo, ti consigliamo di leggere questo post


Acqua e Sole Via daste e spalenga 16, Gorle


Foto di <a href="https://pixabay.com/it/users/pexels-2286921/?utm_source=link-attribution&amp;utm_medium=referral&amp;utm_campaign=image&amp;utm_content=1839564">Pexels</a> da <a href="https://pixabay.com/it/?utm_source=link-attribution&amp;utm_medium=referral&amp;utm_campaign=image&amp;utm_content=1839564">Pixabay</a>


25 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti